Ho il profilo, ma non ho capito a cosa serve [Per un utilizzo consapevole di LinkedIn – 2]

Mi capita spesso di sentire persone (sia junior che senior) che alla classica domanda “Sei su LinkedIn?” danno la risposta più classica.

Che non è “sì”, non è “no” e nemmeno “fatti i fatti tuoi”.

“Ho il profilo, ma non ho capito a cosa serve”

Registrarsi è semplice. Ma è soltanto l’inizio del “lavoro”.

Sicuramente anche in Italia LinkedIn sta avendo un boom di iscrizioni (quanto questo sia da connettere anche all’aumento di persone che sono alla ricerca di nuova occupazione lo lascio decidere ad altri ) ma è anche vero che, come ogni social network, la semplice “presenza” non può portare nessun beneficio.

Un profilo a vostro nome che sia privo della foto (“per privacy”), incompleto (“ho messo solo l’ultima esperienza”) e punteggiato di errori ortografici (“avevo fretta”) non serve a niente.

Forse è addirittura dannoso.

Curate lo strumento… 

Un profilo completo (tranquilli, sarà LinkedIn a segnalarvi quando ne sa abbastanza su di voi per mezzo dell’apposito indicatore “a forma di cerchio”) è un primo passo necessario. Poi vengono i contatti, l’iscrizione ai gruppi, la partecipazione alle discussioni e la condivisione di materiali. Fare tutto contemporaneamente non è consigliabile. Fare “soltanto qualcosina” ancora meno.

…e avrete risultati.

Come suggerito anche da questa interessante infografica i recruiter  contattano più facilmente le persone con profili completi, interessanti e pubblici. Alzi la mano solo chi è realmente sorpreso. Lo “strumento LinkedIn” vi fornirà potenzialmente molti contatti utili per il vostro lavoro… ma soltanto se avrete qualcosa da dire, ed il modo giusto per farlo.

17 minuti al mese

Sul Web si trovano molti dati relativi all’utilizzo di LinkedIn: sembra che il tempo medio di accesso per ogni utente sia di 17 minuti al mese. Personalmente ci passo qualche ora: forse è perchè sono lento io, oppure faccio media con quelli che non accedono da anni.

Ad ogni modo l’investimento di tempo è sicuramente “sostenibile”…e ne vale sicuramente la pena.

Advertisements

About stefanoinnocenti

Le mie esperienze di lavoro hanno sempre riguardato l’area delle Risorse Umane, sia nell’ambito della formazione del personale che della selezione, operando nei diversi processi. Uno dei punti di forza della mia professionalità è la capacità di gestire efficacemente il rapporto con le persone, caratteristica messa a frutto sia nelle attività di docenza, che di orientamento e nello sviluppo di network professionali. Abito in Toscana, e amo questo territorio. Mi piacerebbe continuare a vivere qui, e non dovermi necessariamente trasferire per lavoro. Questo non mi rende meno curioso rispetto ai cambiamenti che mi circondano.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Ho il profilo, ma non ho capito a cosa serve [Per un utilizzo consapevole di LinkedIn – 2]

  1. Pingback: I Was a Teenage LinkedIn User (il social network professionale apre ai più giovani) | Stefano Innocenti, Psicologo del Lavoro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s