“Facebook è carino, ma LinkedIn è utile”

Una nuova ricerca di Randstad e Fondazione Sodalitas fa “il punto” sull’utilizzo dei Social Network da parte dei candidati fra i 18 e i 30 anni.

Circa 700 giovani nella fascia di età fra i 18 ed i 30 anni hanno partecipato a questa ricerca mirata a comprendere l’utilizzo dei social network durante la ricerca di lavoro.

La maggioranza delle risposte provengono da donne (61,2% del campione), laureate (76,1%) con età comprese fra i 26 ed i 30 anni (66,8%).

E che al di là dell’utilizzo “generale” (Facebook risulta non sorprendentemente il social network più diffuso, con un solido 89,7% di iscritti sul campione) utilizzano prevalentemente LinkedIn per la ricerca di lavoro (78,9 %).

Image

I dati relativi all’intero campione: le percentuali rimangono sostanzialmente confermate.

Malgrado il gruppo di intervistati abbastanza “ristretto”, più che la fiducia nei social network da parte dei candidati per la ricerca di lavoro (52,4%, fortemente coerente con il 53% espresso dalla ricerca realizzata da Adecco ad inizio 2013 , sebbene si confrontino campioni di popolazione diversi) risulta essere in forte crescita l’utilizzo di LinkedIn, almeno per le fasce più giovani (77% contro 26%, sempre confrontando le due statistiche).

Restano comunque predominanti l’utilizzo dei siti specializzati nell’incontro domanda-offerta (86,7% dei partecipanti li utilizza) e la candidatura realizzata attraverso le agenzie per il lavoro e le società di selezione (84,9%).

“Fanalino di coda” per la ricerca di lavoro via Twitter, con 1,7%: a quanto pare, questa modalità di utilizzo per i “cinguettii” in Italia è ancora lontana dall’affermarsi..

Advertisements

About stefanoinnocenti

Le mie esperienze di lavoro hanno sempre riguardato l’area delle Risorse Umane, sia nell’ambito della formazione del personale che della selezione, operando nei diversi processi. Uno dei punti di forza della mia professionalità è la capacità di gestire efficacemente il rapporto con le persone, caratteristica messa a frutto sia nelle attività di docenza, che di orientamento e nello sviluppo di network professionali. Abito in Toscana, e amo questo territorio. Mi piacerebbe continuare a vivere qui, e non dovermi necessariamente trasferire per lavoro. Questo non mi rende meno curioso rispetto ai cambiamenti che mi circondano.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s