Twittare di lavoro

Adecco ha rilasciato un video dedicato alla ricerca di lavoro via Twitter, utile raccolta di consigli per chi voglia cominciare ad utilizzare lo strumento a “fini occupazionali”.

Image

Oltre all’utilizzo strategico degli #hashtag per individuare le posizioni e le città in cui si cerca lavoro, il video consiglia molto giustamente di curare il proprio profilo e di non far mancare collegamenti ad altri strumenti dove le proprie competenze ed aspirazioni vengano spiegate in maniera un po’ più completa dei 140 caratteri che costituiscono la lunghezza massima di un tweet. Ad esempio il proprio sito web, o blog, o profilo LinkedIn.

A colpirmi è stata, più del video, l’attenzione per lo “strumento” Twitter : come già discusso in un vecchio post, sembra che il social network dedicato al microblogging stia diventando sempre più utile per chi cerca lavoro.

Alcune avvertenze per i candidati:

– Malgrado non sembri essere il “social di riferimento” per chi cerca lavoro, inserire Twitter fra i canali che utilizzate potrebbe essere una buona decisione. Se non altro, avrete sicuramente una minore concorrenza.

– Malgrado non sia il social network più utilizzato la crescita degli account attivi è decisamente forte, come riportato dallo studio di “We Are Social”. Con riferimento al punto precedente, meglio quindi muoversi prima che dopo.

– Malgrado Twitter possa aiutarvi nella ricerca di lavoro, è sempre bene fare molta attenzione a quello che “cinguettate”. C’è anche chi, a causa di un utilizzo discutibile, il lavoro lo ha perso...

Advertisements

About stefanoinnocenti

Le mie esperienze di lavoro hanno sempre riguardato l’area delle Risorse Umane, sia nell’ambito della formazione del personale che della selezione, operando nei diversi processi. Uno dei punti di forza della mia professionalità è la capacità di gestire efficacemente il rapporto con le persone, caratteristica messa a frutto sia nelle attività di docenza, che di orientamento e nello sviluppo di network professionali. Abito in Toscana, e amo questo territorio. Mi piacerebbe continuare a vivere qui, e non dovermi necessariamente trasferire per lavoro. Questo non mi rende meno curioso rispetto ai cambiamenti che mi circondano.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s