I primi a parlare bene (e male) di un brand? I dipendenti!

“Employee activism”: con questo termine una recente ricerca identifica le comunicazioni in ambito “social” di dipendenti e collaboratori riguardo alla propria azienda.

Ed i dati sono interessanti…

Tutto parte dai social network

Prima di questi strumenti, trovarsi molto bene (o molto male) sul proprio posto di lavoro era un fatto quasi privato. Potevano venire a saperlo gli amici, ma la cosa finiva lì. Ma nel campione preso in considerazione (2300 persone, a livello mondiale) ben l’88% utilizza almeno un social network.

E cosa si fa sui social? Si racconta, anche del proprio lavoro:

Image

Circa il 50% dei dipendenti che hanno partecipato alla ricerca ha condiviso riflessioni ed immagini relative al proprio posto di lavoro: certo, non tutte sono positive. Ma tutte rimangono nel Web, a disposizione di chi le cerca.

Lo studio cerca di individuare anche delle precise “categorie”: la più utile in termini di ritorno d’immagine per il brand è il ProAttivista, che è molto coinvolto, condivide quasi unicamente contenuti positivi e supporta pienamente la propria azienda. Circa il 20% degli intervistati appartiene a questa categoria…

Image

…che non è però l’unica presente. Vengono individuate altre cinque tipologie di “dipendente social”(l’IperAttivista, il PreAttivista, Il ReAttivista, Il Detrattore, Il Dormiente) alcune non esattamente positive per l’immagine aziendale.

Image

“Quindi è molto semplice! Basta assumere soltanto ProAttivisti!”

Non esattamente, no. Il punto è che i “ProAttivisti” non si comprano, ma si creano. Un po’ come dire che saranno più presenti in quelle aziende che se li sono “meritati” dando forte attenzione alla leadership, alle comunicazioni interne, alle politiche delle risorse umane ed alla corporate social responsibility.

E, soprattutto, incoraggiando l’uso dei social per parlare del proprio lavoro

Image

Advertisements

About stefanoinnocenti

Le mie esperienze di lavoro hanno sempre riguardato l’area delle Risorse Umane, sia nell’ambito della formazione del personale che della selezione, operando nei diversi processi. Uno dei punti di forza della mia professionalità è la capacità di gestire efficacemente il rapporto con le persone, caratteristica messa a frutto sia nelle attività di docenza, che di orientamento e nello sviluppo di network professionali. Abito in Toscana, e amo questo territorio. Mi piacerebbe continuare a vivere qui, e non dovermi necessariamente trasferire per lavoro. Questo non mi rende meno curioso rispetto ai cambiamenti che mi circondano.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to I primi a parlare bene (e male) di un brand? I dipendenti!

  1. Pingback: “…e al lavoro, social bloccati!” Forse. | Stefano Innocenti, Psicologo del Lavoro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s