Perchè il web ci rende creduloni?

Una interessante ricerca, in parte anche italiana, ha cercato di rispondere ad un interrogativo non da poco: perchè il web sembra renderci in qualche modo più disposti a “credere” (e nel caso dei social network, “condividere”) una serie di informazioni fasulle?

In specifico, lo studio ha indagato la capacità di una particolare notizia a tema politico di diventare “virale” al punto da essere ricondivisa più di 35000 volte in meno di un mese, e da essere comunemente citata come “dato di fatto”. Peccato che la notizia fosse completamente falsa, e disseminata di errori.

fakenews

Eppure non è certo la prima volta che succede, fra “morti improvvise” di personaggi famosi e siti interamente dedicati alla diffusione di “bufale create ad arte”.

Ovviamente, non “tutte” le notizie si prestano allo scopo: il contenuto ideale sembra essere quello connotato da una forte componente contraria all’informazione ufficiale, meglio se veicolato attraverso canali alternativi ed accompagnato dalla classica dicitura “non avrebbero mai voluto farvi sapere che…”.

Il meccanismo sembra essere particolarmente adatto per questa tipologia di informazioni, anche se di fatto è facilmente utilizzabile anche per truffe di vario tipo piuttosto che per le offerte di lavoro ingannevoli .

Se le motivazioni di chi crea la “falsa notizia” sono facilmente comprensibili (ricerca di divertimento piuttosto che effettivo guadagno personale fra le principali) è più difficile capire perchè questa venga così facilmente diffusa: di base, c’è spesso la volontà di contribuire in qualche modo alla vita della propria comunità virtuale, segnalando informazioni utili o quanto meno interessanti.

Lo stimolo ad essere “i primi” a farlo completa in molti casi l’opera: vengono temporaneamente sospesa le capacità di giudizio e critica, mentre scatta velocemente l’impulso a “condividere”…

Advertisements

About stefanoinnocenti

Le mie esperienze di lavoro hanno sempre riguardato l’area delle Risorse Umane, sia nell’ambito della formazione del personale che della selezione, operando nei diversi processi. Uno dei punti di forza della mia professionalità è la capacità di gestire efficacemente il rapporto con le persone, caratteristica messa a frutto sia nelle attività di docenza, che di orientamento e nello sviluppo di network professionali. Abito in Toscana, e amo questo territorio. Mi piacerebbe continuare a vivere qui, e non dovermi necessariamente trasferire per lavoro. Questo non mi rende meno curioso rispetto ai cambiamenti che mi circondano.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s