E se alcune offerte di lavoro ti venissero nascoste?

Trovare i candidati “nascosti”, ovvero coloro che non stanno attivamente cercando lavoro, è sempre stato un problema per i selezionatori: puoi pubblicare quante offerte vuoi, ma ovviamente non ti risponderanno mai.

Per contro, spesso quando si pubblica è necessario fare i conti con le candidature “sbagliate”: in molti risponderanno all’annuncio pur essendo privi dei requisiti essenziali.

discriminare

Un problema per cui non c’è soluzione?

Ho letto con interesse la storia di una madre di tre figli che non stava attivamente cercando lavoro… ma che si è vista comparire l’offerta “perfetta” direttamente nella propria bacheca di Facebook, e dopo pochi giorni era stata assunta.

Magia? No, più semplicemente potenza di Facebook Ads.

Come racconta la recruiter Emily Richards, fondatrice della società Human Connections Group, il target a cui mostrare l’offerta di lavoro era stato esattamente definito grazie a Facebook Ads e con l’irrisoria spesa di 14 dollari circa 10.000 candidati hanno potuto visualizzare l’offerta.

Tutti contenti allora?

Candidati che trovano il lavoro perfetto, recruiter che ricevono soltanto c.v. in linea e risparmiano sulla pubblicazione delle offerte… Dov’è il problema?

Purtroppo, il meccanismo usato per definire il pubblico a cui verrà destinato uno specifico annuncio permette forti discriminazioni, ben oltre il limite consentito per legge.

facebook discrimina 2

Decisamente volendo si può discriminare su Facebook Ads…

[L’autrice dell’articolo originale si è spinta anche oltre, proponendo una offerta di lavoro fortemente discriminante… che è stata prontamente accettata e pubblicata].

Mi direte che la discriminazione nelle offerte di lavoro esiste da sempre, e vi risponderò che è anche illegale: qualunque sia la decisione finale, l’offerta di lavoro deve, per legge, essere “per tutti”.

Questa “nuova” modalità sembra permettere l’aggiramento della questione: solo determinati gruppi di candidati potranno vedere l’offerta, e di conseguenza rispondere.

Un problema comune

La storia parla di Facebook Ads, ma tutti i social hanno la possibilità di mostrare determinati contenuti solo a determinate persone sulla base dei dati inseriti spontaneamente o “ricavati” dagli elementi condivisi dagli interessati sulle piattaforme stesse.

A questo punto è necessario considerare che nessuno strumento è discriminante “per natura”, e che tutto dipende dall’uso che ne viene fatto dai professionisti di settore: esattamente come per le modalità di selezione classiche, è veramente difficile accertarsi che nella selezione effettuata non abbia giocato un ruolo anche una parte di discriminazione. E difficilmente si potrà prescindere dalla serietà e professionalità dello specialista incaricato della ricerca.

Tuttavia, con il recruiting che diventa sempre più social forse è il caso porsi qualche domanda.

Voi ad esempio cosa ne pensate? Possibile supporto al lavoro dei recruiter o nuova “trovata” che permette di aggirare la legge?

Advertisements

About stefanoinnocenti

Le mie esperienze di lavoro hanno sempre riguardato l’area delle Risorse Umane, sia nell’ambito della formazione del personale che della selezione, operando nei diversi processi. Uno dei punti di forza della mia professionalità è la capacità di gestire efficacemente il rapporto con le persone, caratteristica messa a frutto sia nelle attività di docenza, che di orientamento e nello sviluppo di network professionali. Abito in Toscana, e amo questo territorio. Mi piacerebbe continuare a vivere qui, e non dovermi necessariamente trasferire per lavoro. Questo non mi rende meno curioso rispetto ai cambiamenti che mi circondano.
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to E se alcune offerte di lavoro ti venissero nascoste?

  1. Simone says:

    Beh in realtà la questione secondo me è molto grigia… 😀 Se definisci un pubblico molto ristretto per gli annunci di Facebook…lui comunque non sarà così rigido nel mostrare il contenuto a chi non rientra nel target selezionato, non penso tanto a livello geografico, ma per interessi, posizione, età sesso ecc. Mi è capitato più volte di verificare questo in modo empirico…motivazione? Secondo me semplicemente economica…per farti comunque spendere la cifra che hai investito. Se viceversa l’audience prestabilita copre ampiamente il budget che hai destinato, allora si presume che si verifichi la potenziale “discriminazione” cui fai riferimento..

  2. Luca Azzini says:

    Peccato che il Italia il lavoro va in maggioranza per conoscenza: inutili cv o master o chi ne ha più ne metta! Vige lo stato di parentela stretto.

  3. Pingback: “Nuovo” è sempre “migliore”nella ricerca di personale? | Stefano Innocenti, Psicologo del Lavoro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s